Skip to content

Gli Eiffel 65

Gli Eiffel 65 sono un gruppo musicale eurodance italiano nato nel 1998 negli studi della casa discografica torineseeiffel_65_freehand Bliss Corporation. I tre, che già avevano collaborato ad altri progetti interni alla loro casa discografica, per la quale lavoravano dai primi anni ’90, fondano il gruppo in questione nell’ambito della composizione di “Blue (Da Ba Dee)”. Il disco viene pubblicato ad ottobre del 1998, e senza “deludere le aspettative” non riscuote un particolare successo. Circa cinque mesi dopo il disco viene recuperato dall’emittente lombarda Discoradio, radio locale che trasmette in una vasta zona del nord Italia, specializzata nella trasmissione della musica Italodance. A questo punto scocca la scintilla, e “Blue” passa dall’anonimato alla fama nazionale e sull’onda del successo viene pubblicata anche al di fuori dei confini italiani (Regno Unito, Germania, Francia, Canada, Australia, Spagna, Svizzera, Austria,Danimarca, Russia, Svezia, Finlandia, Norvegia, Grecia, Belgio, Paesi Bassi, Irlanda e USA), approdando nelle varie classifiche e raggiungendone in molti casi la vetta. A questo primo singolo ormai entrato nella storia della musica moderna fa seguito a quasi un anno di distanza Move Your Body, anch’essa hit da dancefloor, e allo stesso tempo irraggiungibile nelle classifiche di vendita in molti paesi, composta da Domenico Capuano assieme al DJ Roberto Molinaro, membri di casa Blissco. Il disco precederà l’uscita del primo album del gruppo, Europop (1999), un album pop. Arrivano a vendere con questo album più di 4 milioni di copie nel mondo di cui tre milioni solamente negli Stati Uniti (traguardo fino allora impensabile per un artista italiano), diventando così la band italiana di sempre ad essere riuscita a vendere più copie negli Usa. I tre chiudono il millennio con Too Much of Heaven, traccia estratta da Europop. Il brano affronta il tema del denaro in una società dove le cose materiali offuscano i valori dell’amore e dell’amicizia e il gruppo dimostra così di saper andare anche oltre la musica da discoteca.